lunedì 8 aprile 2019

I nostri commenti

Alla fine del percorso, vi presentiamo i nostri pensieri sul PON "Memor@ndum" di quest'anno. 





Siamo tutti molto contenti del percorso che abbiamo fatto. Da gennaio ad aprile 2019 abbiamo realizzato quattro interviste, scegliendo le domande da fare agli anziani Corilla Barontini, Guido Capecchi, Giulia Nannini e Morello Guidotti, Vilma Mariotti.





Abbiamo poi fatto i cartelloni per la mostra finale e i montato i video da condividere sul blog che hanno creato le professoresse.
Abbiamo anche fatto due uscite: una a Pieve Santo Stefano (AR), al Piccolo Museo del Diario e l'altra a Campotizzoro (PT) al museo della fabbrica SMI e ai rifugi antiaerei sottoterra.


Abbiamo lavorato con le professoresse Francesca Banchini, Giulia Barontini e Silvia Mannelli. 

Speriamo che anche il prossimo anno ci sia un progetto simile a questo per poter partecipare di nuovo.































Grazie per aver viaggiato nel nostro blog!

Uscita al "Piccolo museo del diario", Pieve Santo Stefano

Risultati immagini per saverio tutino archivio dei diariIl 1 aprile 2019  noi ragazzi del PON "Memor@ndum" abbiamo partecipato all'uscita al "Piccolo Museo Del Diario" a Pieve Santo Stefano (Arezzo). Per prima cosa siamo andati all'archivio, dove abbiamo osservato molti diari tra cui quello del signor Saverio Tutino, l'ideatore dell'archivio nel 1984.
Qui troviamo più di 8000 diari, anche molto antichi. Ogni anno viene organizzato un concorso dove chiunque può inviare il suo diario e quello che risulta più originale e interessante viene pubblicato.
Dopo essere stati all'archivio siamo andati al Piccolo Museo del Diario che si trova nell'unico palazzo che non è stato distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale. La guida ci ha raccontato la storia di Mario, un  giovane uomo che si trovò chiuso nel museo quando, nella notte, Saverio andò a perlustrarlo per controllare se i diari fossero in ordine, perché durante la notte si svegliavano e iniziavano a parlare. Questa leggenda ci è stata raccontata per spiegare la nascita del Piccolo Museo del Diario. Nella prima stanza troviamo una grande cassettiera che occupa un'intera parete e dalla quale escono voci e immagini che raccontano alcune storie custodite nei diari.
 Risultati immagini per piccolo museo del diario
Ci ha colpito molto la "stanza del lenzuolo" che contiene una teca con dentro il lenzuolo matrimoniale della signora Clelia Marchi. La donna, dopo la morte del marito, ha scritto sul lenzuolo la storia del loro amore e della vita insieme. Nel centro della stanza si trovano alcuni oggetti "simbolici": avvicinandosi a essi si può ascoltare la narrazione del lenzuolo.
 Risultati immagini per piccolo museo del diarioRisultati immagini per piccolo museo del diario

Un'altra stanza molto bella è quella dedicata al signor Rabito, un uomo analfabeta che solo da anziano ha imparato a scrivere e ha raccontato tutta la sua vita, rinchiudendosi in una stanza per due ore al giorno per molti anni. Non conoscendo l'uso della punteggiatura, se ne serviva per separare le parole. Questo ha reso difficile il lavoro di chi ha dovuto trascrivere il suo racconto.
 Risultati immagini per piccolo museo del diario
Ci è piaciuto il fatto che il museo fosse interattivo. I diari non solo si leggono, ma si possono ascoltare e ciò li rende più interessanti.
Ci aspettavamo un museo più tradizionale e quasi noioso, invece siamo rimasti molto colpiti dalla visita.

domenica 24 marzo 2019

CONSIGLI AI RAGAZZI

Abbiamo voluto chiedere a tutti gli anziani di lasciare un messaggio e tutte le persone intervistate ci hanno lasciato dei consigli:




GUIDO CAPECCHI

GIULIA E MORELLO






VILMA



CORILLA



IL DOPOGUERRA

Ecco alcuni racconti sul dopoguerra:

VILMA MARIOTTI





sabato 23 marzo 2019

Vilma ci racconta l'eccidio al padule di Fucecchio

VILMA MARIOTTI

Vilma Mariotti ci racconta l'eccidio del padule di Fucecchio. Lei è stata una testimone di quel fatto drammatico e ne ha un ricordo ancora vivo. 









GUERRA

La parte sulla guerra è stata quella più ampia in tutte le interviste che abbiamo fatto. Gli anziani hanno assistito in prima persona alla Seconda Guerra Mondiale e hanno condiviso con noi i loro ricordi:

GUIDO CAPECCHI





VILMA MARIOTTI













CORILLA BARONTINI

















venerdì 22 marzo 2019

Giulia e Morello: Vi raccontiamo di quando abbiamo salvato una famiglia di ebrei

Morello e Giulia ci raccontano un episodio importante della loro vita: quando salvarono una famiglia di ebrei nascondendoli in una stanza sopra il loro fienile. Siamo rimasti molto colpiti da questo racconto e siamo contenti che Morello e Giulia abbiano voluto condividerlo con noi e renderlo pubblico. 
Ci ha colpito anche il fatto che non si sono mai vantati di quel che hanno fatto e che la storia è venuta fuori per caso solo alcuni anni fa.













I nostri commenti

Alla fine del percorso, vi presentiamo i nostri pensieri sul PON "Memor@ndum" di quest'anno.  Siamo tutti molto conten...